Al via la campagna antincendio boschivo 2011

L’Ass.ne di protezione civile ALFA, come ogni anno con l’approssimarsi della stagione estiva, si prepara ad affrontare la campagna antincendio boschivo.L’Ass.ne opera sotto la direzione della sala operativa della Regione Lazio e le direttive del Sindaco in qualità di autorità locale di protezione civile.In particolare collabora con il Comune di Aprilia svolgendo per esso il servizio ausiliario antincendio estivo.Dal 15 giugno al 30 settembre, in coincidenza con il periodo di “grave pericolosità’’ l’Ass.ne potenzierà i propri servizi, coprendo turni giornalieri, comprese le domeniche, con l’alternarsi di più squadre di pronto intervento.Pur se la campagna AIB prenderà il via il 15 giugno l’ALFA è stata già chiamata ad intervenire sul territorio comunale ed in quello dei comuni limitrofi.Quest’anno l’ALFA potrà contare su 4 mezzi antincendio, 2 pick up 4×4 con modulo antincendio da 400 litri, un’autobotte 4×4 da 3.500 litri, un polisoccorso da 2.500 litri. Per formare i nuovi volontari ed aggiornare quelli in servizio l’Ass.ne ha organizzato un corso interno tenuto da personale esperto che ha visto una partecipata adesione. I volontari impiegati sono appositamente formati per questo specifico servizio ed in possesso dei requisiti di legge. Ciascun volontario ha in dotazione i D.P.I. dispositivi di protezione individuale ed il vestiario specifico. Le squadre sono composte dal capo squadra, dall’autista, e da quattro volontari.In caso di necessità e/o emergenza l’ALFA è in grado di far intervenire fino a tre squadre contemporaneamente.  L’ALFA invita tutti i cittadini ad osservare le normali regole di prudenza e di prevenzione antincendio ed in particolare, in caso di avvistamento di un incendio, di chiamare immediatamente la sala operativa regionale all’ 803.555 oppure il 115 dei vigili del fuoco oppure il 1515 del corpo forestale dello stato. La legge quadro 353/2000 obbliga i Comuni ad adottare specifiche ordinanze per prevenire gli incendi boschivi e quindi mitigare eventuali rischi derivanti da incendi di interfaccia, ovvero incendi boschivi che possano interessare centri urbani e/o comunque abitazioni ed insediamenti civili.Un’ordinanza comunale impone la pulizia dei lotti incolti, dove sovente le sterpaglie cresciute indisturbate sono fonte di incendio, creando pericolo alle abitazioni limitrofe e alla viabilità. Altro problema presente sul territorio è costituito dagli incendi di discariche abusive sparse sul territorio comunale dove sono state rinvenute bombole di gpl, lastre di eternit, elettrodomestici abbandonati, pneumatici, ecc.

Questo elemento è stato inserito in news. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

This site uses cookies to improve your browse experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.